Infortunio sul lavoro

L’INAIL è l’ente che si occupa della prevenzione e gestione degli infortuni su lavoro nonché delle malattie professionali lavorative, oltre a tante altre finalità similari.

Quando avviene un infortunio durante l’orario lavorativo (che include anche il percorso per giungere alla sede di lavoro cioè “in itinere”) bisogna immediatamente avvisare il proprio datore di lavoro ed andare in ospedale. In caso di malattia professionale, informare il proprio datore entro 15 giorni.

Il datore di lavoro entro 2 giorni, invia relativa denuncia all’INAIL. E’ probabile che l’INAIL chieda di sottoporsi a visita medica presso i propri uffici.

Per ritornare a lavoro, è necessario certificato medico che attesti l’idoneità alla ripresa lavorativa (salvo eventuali ricadute).

Il datore di lavoro deve pagare il 100% della retribuzione per la giornata in cui è avvenuto l’infortunio o si manifesta la malattia professionale ed il 60% della retribuzione per i successivi 3 giorni (+ integrazione CCNL).

L’INAIL deve pagare dal 4° giorno successivo a quello in cui è avvenuto l’infortunio o si è manifestata la malattia professionale e fino alla guarigione clinica (senza limiti di tempo). Dal 91° giorno e fino a guarigione clinica aumenta del 75% l’indennità di pagamento. 

Il lavoratore è tenuto a rispettare gli orari di visita medica in coerenza con la sentenza della Corte di Cassazione 15773/2002

I lavoratori Wind hanno anche una polizza infortuni che indennizza economicamente sia gli infortuni sul lavoro che extra-professionali.

Sulla intra-net vi sono riportate tutte le informazioni utili.

(pubblicato su QV n°3)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *