Auto aziendale

L’auto a 2/7 è uno strumento di lavoro importante per coloro che si spostano per lunghe distanze (commerciali e tecnici, in primis).

Lo Stato consente alle imprese di dedurre al 90% i costi auto per le auto assegnate ai dipendenti che sono utilizzate ad uso promiscuo (art.164 Tuir). Il dipendente paga invece per il 30% dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15000 km annui basato sul costo kilometrico stabilito dalle tabelle ACI. Informazioni a parte, restano alcuni problemi irrisolti.

La possibilità di poter disporre di un parco auto più variegato (specie per i Tecnici) e non di una sola scelta (la GPunto a 124 euro). Non solo un’auto più sicura, ma anche la possibilità di scegliere un modello che possa andare bene per chi ha famiglia.

Una gestione delle multe più efficiente che vengono notificate in tempo alla Europcar però al dipendente arrivano con 6-7 mesi di ritardo rendendo vana o difficile la ricostruzione dell’evento per un’eventuale ricorso.

La quota auto per il mondo commerciale è sproporzionatamente alta rispetto al basso stipendio di molti.

Perché non creare una progressività ?

(pubblicato su Quattro Venti n°5 pag.4)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *