Incentivi economici nel CC

I Customer Care sono al centro di riorganizzazioni che stanno incidendo molto sulla qualità della vita delle lavoratrici e dei lavoratori. L’auspicio è che questi mutamenti siano portatori di stabilità occupazionale.

L’azienda Wind, senza alcun confronto e sostegno sindacale, ha prospettato  un piano di incentivi economici ai migliori Service Team.

Lo scopo, da quel poco che si è appreso, è incentivare produttività e limitare le assenze.

A mio avviso, l’iniziativa è  irricevibile e non condivisibile nelle modalità.

Un sindacato serio non difende i nullafacenti, ma certamente non mette uno contro l’altro i lavoratori.

Pongo alcuni quesiti, anche contrastanti tra loro, ma che credo siano esemplificativi.

Se mi assento perché malato, pur di prendere il premio vado a lavorare ugualmente (e ciò è assurdo).

Se mi assento perché malato, i miei colleghi mi faranno pressioni affinchè io venga a lavorare (facendoci la guerra tra poveri).

Se sono un fenomenale lavoratore, ma mi trovo in un ST poco produttivo oppure dove la maggior parte non ha interesse a prendere il premio, tutti i miei sforzi saranno vani.

Se ritenuto necessario dall’azienda, si propongano incentivi individuali (come ai commerciali) anche se i soldi è meglio distribuirli sul Premio di Risultato, che è per tutti.

 (pubblicato su QV n°6 pag 2)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *