Pensione complementare in cattive acque

Nessun allarme, ma bisogna evidenziare, casomai fosse necessario, che gli investimenti nella previdenza complementare (Telemaco, ma non solo) non vanno bene.
Continua il trend negativo e la rivalutazione del TFR assicura margini di guadagno superiori ai rendimenti Telemaco.
Abbiamo sempre detto che tale investimento va visto “alla lunga” ovvero in un periodo temporale lungo, però “monitorare i dati” credo sia molto utile.


Prima di addentrarci in qualche informazione per la quale chiedo il vostro contributo, spesso mi capita di ricevere domande “sul recupero password” o su chi contattare per dubbi o informazioni. Sottolineando la mia piena disponibilità in funzione delle mie conoscenze a redimere ogni vostro dubbio, il fondo Telemaco ha sia un sito www.fondotelemaco.it che un call center (tel 06845101).

Per “recuperare la password” invece bisogna andare sul sito, cliccare su “Dimenticato la password ?” posto in alto a destra.

Quali sono le regole generali di tassazione delle prestazioni erogate dalle forme pensionistiche complementari?
Le prestazioni erogate dalle forme pensionistiche complementari sia sotto forma di capitale sia sotto forma di rendita sono assoggettate ad una ritenuta a titolo di imposta (quindi a titolo definitivo) con aliquota del 15%. Tale aliquota si riduce di una quota pari a 0,30% per ogni anno di partecipazione alle forme pensionistiche complementari eccedente il quindicesimo. La riduzione massima è comunque del 6% per cui dopo il 36° anno di partecipazione alle forme pensionistiche complementari comunque si applica l’aliquota di imposizione del 9%.
L’aliquota del 15% (eventualmente ridotta in ragione dell’anzianità di partecipazione superiore a 15 anni) si applica non su tutta la prestazione erogata ma solo sulla parte imponibile di essa.
Se per qualsiasi altro motivo si riscuote tutto o parzialmente il proprio controvalore, allora la tassazione sarà del 23% (anche quando si richiederà un anticipo per un motivo non specificato).

Iscritti
Gli iscritti ai fondi pensione , secondo la COVIP, sono aumentati. Nel 2008 hanno registrato un incremento del 7,2%. Ammonta a 4.889.979 il totale degli iscritti ai fondi complementari a dicembre 2008 contro 4.560.091 dello stesso mese del 2007 (7,2%) e 3.184.224 di dicembre 2006 (53,6%).
In calo dell’8,4% il rendimento rispetto al 2007. Questi i dati diffusi dalla Covip che precisa che sono stati, invece, complessivamente 3.635.956 a dicembre scorso contro 3.402.135 di dicembre 2007 (6,9%) e 2.161.455 dello stesso mese del 2006 (68,2%).
In particolare
Telemaco ha registrato un aumento di iscritti pari al 2,14% (da 65.559 a 66.999) nell’ultimo anno e del +17,1% rispetto al 2006 (allora 55.508 iscritti)

Rendimenti
In generale, non tutti i contratti dei fondi pensioni hanno, però, raggiunto rendimenti convenienti.
Secondo i dati diffusi, infatti, i
fondi pensione negoziali sono calati al 6,3% nel 2008. Tra i fondi pensione negoziali, quelli azionari hanno subito il peggior crollo, con una flessione del 24,5% mentre. I negoziali bilanciati hanno ceduto il 9,4%. Gli unici ad andar bene sono stati i fondi obbligazionari: quelli negoziali +1,6%
I
rendimenti di Telemaco invece non sono positivi.

Profilo Quota al Quota al Differenza dal 30-6-07 al 31-1-08 % 
30/06/2007 31/12/2008
Arancione
– Crescita
€ 14,509 € 11,027 -€ 3,482 -31,577%
Giallo
– Bilanciato
€ 13,947 € 11,763 -€ 2,184 -18,567%
Verde –
Prudente
€ 13,284 € 12,665 -€ 0,619 -4,887%
Blu –
Conservativo
€ 12,881 ????????? ????????? ?????????
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *