Accorpiamo referendum e politiche

E’ avvilente il totale silenzio sotto cui sta passando la decisione del Ministro dell’Interno di non permettere al Paese di unire il voto per il referendum al voto per le europee e le amministrative del 7 Giugno.
Il referendum per cui voteremo a Giugno 2009 ha come tema l’abolizione della vergognosa legge elettorale voluta da Calderoli nel 2005 (da lui stesso definita poi una “porcata”).
Avremmo dovuto votare già nel 2008 per questo referendum, ma poi la caduta del governo Prodi e le successive elezioni costrinsero a posticipare la data di un anno per ragioni legali.
Ora, finalmente, è venuto il momento di liberarci della “porcata”.
Ma ovviamente cercano in ogni modo di metterci i bastoni fra le ruote.
Prima di entrare nel merito del contenuto del referendum in un successivo post, vorrei qui sottolineare alcuni semplici dati.

Costo del referendum se accorpato alle elezioni Europee
7 Giugno
115 milioni
Costo del referendum se fatto da solo
14 Giugno
515 miloni
Costo del referendum se fatto da solo
21 Giugno
428 miloni

(Dati www.lavoce.info)

Se il referendum viene votato il 7 Giugno risparmiamo 400 milioni di euro.
1. Quali motivi sono tanto importanti da indurre il Ministro dell’Interno, in un momento di gravissima difficoltà economica per l’Italia, a posticipare il referendum al 14 Giugno, facendo spendere a noi contribuenti oltre 400 milioni di euro in più rispetto al necessario?
2. Quali sono le ragioni logiche per le quali io, cittadino, debbo essere chiamato per tre settimane consecutive a esercitare il mio diritto e dovere di voto?
Ecco la risposta a entrambe le domande:
Perché, se il referendum viene accorpato alle elezioni del 7 Giugno, potrebbe essere più probabile raggiungere il quorum del 51% e quindi la sua validità.
Ecco quanto siamo caduti in basso: la Casta, terrorizzata all’idea che passi questo referendum che colpisce al cuore i suoi privilegi, vuole giustificare l’ingiustificabile.
Vogliono convincerci che dare maggiori possibilità al referendum di raggiungere la validità sia una scelta contraria alla democrazia!
Possiamo ancora impedire questo scempio di denaro pubblico e questo insulto all’intelligenza di noi cittadini: questo argomento è bandito dai mezzi di informazione, ma noi possiamo sfruttare il Web per informare le persone su ciò che sta accadendo sopra le nostre teste.
Europee+Referendum. No agli Sprechi. 7 Giugno 2009.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *