Call center, finalmente le clausole sociali

Ecco una notizia che ti fa sentire bene come RSU ma soprattutto come lavoratore … aver tutelato dei lavoratori, applicando una legge fortemente voluta dai lavoratori e dal sindacato e che rappresenta una salvaguardia id dignità e di civiltà … se cambi la ditta, i lavoratori “cambiano cappellino” ma continuano a lavorare.

http://www.rassegna.it/articoli/call-center-telecom-applica-la-clausole-sociali

Salvaguardati oltre 400 posti di lavoro nel cambio di un appalto Telecom a Matera grazie all’applicazione delle nuove regole sugli appalti. Azzola (Slc Cgil): accordo storico, ora Poste Italiane ed Enel facciano lo stesso

“Oggi è stato sottoscritto uno storico verbale di incontro che, per il cambio di appalto delle attività di Telecom gestite a Matera, applica le clausole sociali, diventate legge lo scorso 13 febbraio, salvaguardando così oltre 400 posti di lavoro”. A darne notizia è Michele Azzola, segretario nazionale Slc Cgil.

“Il Ministero dello Sviluppo Economico, a partire dal Viceministro Bellanova, ha avuto un ruolo fondamentale – spiega Azzola – coordinando un tavolo con Istituzioni locali, Telecom in qualità di committente, le due aziende del settore Abramo e Youtility, e che ha portato alla sottoscrizione di un verbale per gestire il passaggio delle attività, oggi svolte da Datacontact, a un nuovo soggetto giuridico composto pariteticamente dalle due imprese citate”.

Il verbale prevede la salvaguardia di tutto il personale coinvolto e la permanenza dell’attività a Matera attraverso l’applicazione delle clausole sociali, che prevedono la continuità del rapporto di lavoro con l’appaltatore subentrante. “Molto positivo anche l’atteggiamento assunto da Telecom Italia – sottolinea il segretario Slc – che ha accettato di assumersi la responsabilità sociale dei lavoratori già utilizzati in precedenza nella commessa oggetto di cambio di appalto”.

Per la prima volta, dunque, si realizza un cambio di appalto evitando che le conseguenze vengano pagate unicamente dai lavoratori. “È senz’altro la strada giusta – afferma ancora Azzola – ma ora è necessario affrontare con la stessa logica e con la stessa determinazione i cambi di appalto realizzati dalle gare realizzate da Poste Italiane e Enel, per le quali, ad oggi, si prospetta unicamente la strada del licenziamento per gli oltre 3000 lavoratori coinvolti“.

Secondo la Slc Cgil è infatti “inaccettabile” che, da un lato, “un soggetto privato come Telecom accetti il confronto per rispettare le norme di civiltà inserite dal Parlamento nel Ddl ‘Appalti‘”, mentre dall’altro, “aziende con importante partecipazione pubblica quali Poste e Enel ad oggi non abbiano sentito la stessa esigenza, scaricando sul Governo e sulle Istituzioni locali migliaia di licenziamenti”.

Di qui la richiesta del sindacato al vice ministro di “promuovere analoghi tavoli di confronto anche con queste aziende”, per salvaguardare l’occupazione del personale già impegnato nelle commesse oggetto di cambio di appalto e “evitando drammi sociali in aree particolarmente gravate da fenomeni di disoccupazione e carenza di lavoro”.

“Gli oltre 450 licenziamenti aperti dal gruppo Gepin e le migliaia annunciati da Almaviva vanno affrontati con la  medesima modalità – insiste Azzola – chi ha vinto la gara deve farsi carico di garantire la continuità del rapporto di lavoro al personale coinvolto. Se la premessa è questa si potrebbe realmente trasformare l’attività di call center in un lavoro industriale utile a risolvere le migliaia di richieste che quotidianamente i clienti e cittadini pongono – conclude il segretario Slc – attraverso il consolidamento del settore e l’avvio degli investimenti necessari a favorire la digitalizzazione del Paese”.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *